PENZIERE, RECUORDE E... ADDRE ANCORA - SALDARI PIETRO

PENZIERE, RECUORDE E... ADDRE ANCORA

SALDARI PIETRO

LIBRATI

15,00
Acquista da libreria Rinascita

Dettagli

  • Data di pubblicazione: 01/01/2010
  • Prezzo di listino: 15,00
  • Disponibilità: Disponibile in libreria
  • ISBN: 9788887691825

Quarta di copertina

In Saldari si nota una certa ruvidità espressiva, senz’altro dovuta a una sincerità d’approccio e al fatto che mira all’essenza. Del resto la ruvidezza del personaggio consona con l’aspra ‘lingua’ ascolana, producendo una felice combinazione. I testi di Saldari (...) hanno sempre un peso, non evitano la ricerca di senso, né si concedono impennate pseudo-liriche. Saldari è dentro la realtà, ci vuole stare a modo suo con autonomia intellettuale e morale. Non può cosí evitare la lotta, non cerca facili scappatoie ma chiama le cose col loro nome (...) Degno del suo avo Cecco, autore de l’Acerba, è un po’ acerbo di modi anche il nostro. Di sicuro neppure Saldari “parla a modo delle rane”. Eppur è in grado di modulare la voce di volta in volta per l’ironia e il sarcasmo. E dal fondo affiora una certa amarezza per la callificazione del male nell’uomo e nella storia. Per di piú Saldari non è avvezzo a parlare per interposta persona, che tradotto in gergo suona: “Le cose non te le manda a dire”. E il vantaggio è che viene evitata il piú possibile la ‘banalità’. Semmai appare realistica (con quella punta di amarezza di cui sopra) la riflessione del poeta ascolano, dotato di una naturale forza di penna. Non scrive con una biro qualsiasi. Il suo pennino-vomere scava verità e scova vizi laddove a prima vista non appaiono...(Dalla prefazione di Fabio M. Serpilli)