COLORE DELLE LACRIME (IL) - LAZZARINI ROBERTA

COLORE DELLE LACRIME (IL)

LAZZARINI ROBERTA

LIBRATI

10,00
Acquista da libreria Rinascita

Dettagli

  • Data di pubblicazione: 01/01/2002
  • Prezzo di listino: 10,00
  • Disponibilità: Disponibile in libreria
  • ISBN: 9788887691061

Quarta di copertina

La vita di ognuno di noi, almeno quella terrena, non pare offrirci molte garanzie. Se ne siamo padroni si tratta pur sempre di una padronanza limitata, puntiforme. Anche là dove l'esistenza appare pianificata fin nei più piccoli dettagli, si rivela spesso un castello dalle mura di carta, pronto a disfarsi al primo vero soffio di vento. Immaginiamoci poi, quando si tratta del nostro incontro con la malattia. Soprattutto quando questa, lasciandoci intravedere la precarietà della nostra vita, ha un impatto dirompente sul nostro fragile equilibrio psicologico. Improvvisamente scopriamo il nostro essere mortali. Lo scopriamo con stupore, incredulità, rabbia, disperazione. Roberta Lazzarini ci narra come questo evento 'oltraggiosamente insensato' è vissuto all'interno dell'universo femminile. Si tratta di un racconto al femminile non solo perché scritto da una donna, ma anche perché attraverso storie di donne ci svela gli effetti sconvolgenti di una malattia tipicamente femminile: il cancro al seno. Se è vero che l'incontro con la malattia, la sofferenza, il terrore di non esserci più, è drammatico per tutti, è altrettanto vero, quando si tratta di cancro al seno, che i risvolti esistenziali e psicologici in ballo appaiono ancor più laceranti. In questo caso la posta in gioco è ancora più alta. Più alta perché anche quando si riesce a sconfiggere la malattia, quando la vita ha la meglio sulla morte, e ciò grazie alla prevenzione accade sempre più spesso, per la donna la partita non è ancora finita, ma entra in una fase altrettanto delicata. Se di fronte alla diagnosi di cancro la donna si trova a 'sospendere' la propria esistenza per porla nelle mani di un sapere che le sfugge e che appartiene ad altri, la guarigione la costringe in prima persona a fronteggiare le ferite che l'hanno segnata nel corpo e nell'anima. Attraverso le storie di Mirna e Marta, Roberta Lazzarini ci mostra il prezzo che queste donne sono costrette a pagare. Certo, Mirna e Marta hanno alle spalle storie molto diverse. Mirna è una donna che ha costruito la propria esistenza fondandola sulla ricerca di un altrove, di una dimensione, che non ha mai trovato e che ha fatto naufragare ogni suo sogno. Si tratta di una donna che non ha mai voluto vedere, neppure il cancro che si portava addosso. Marta al contrario è riuscita a crearsi una vita appagante, serena. Se è indubbio che l'amicizia con Marta rappresenta per Mirna la possibilità di intravedere un barlume di luce, di trovare un appiglio contingente ma reale, tuttavia entrambe sono accomunate da una esperienza che le oltrepassa e che risulta impermeabile, incomprensibile, agli altri. Dinanzi alla diagnosi di cancro, anche quando viene comunicata dal medico con tutta la delicatezza possibile, non è pensabile che si possa evitare un profondo trauma psicologico nella donna. Come scrive Roberta anche le persone più care possono diventare ingombranti. Le parole più dolci e accattivanti, non riescono a lenire un dolore ed un'angoscia che